Ali di Vita Associazione Onlus dedita alla sensibilizzazione ed aiuto sui Disturbi del Comportamento Alimentare

A noi non doveva capitare: Rosy Coletta

Affrontiamo la tematica del disturbo del comportamento alimentare (anoressia e bulimia); creando una rete di supporto per chi vive questa malattia. Soffrire di un disturbo del comportamento Alimentare non è un capriccio, uno stereotipo legato al mondo della moda, ma sono vere e proprie malattie che hanno radici profonde , disagi psicologici che influenzano in modo esponenziale la vita di chi ne soffre e le loro famiglie. Chi ne soffre si trova molto spesso a vivere in silenzio la propria malattia, isolandosi e creando di conseguenza un vuoto , una paura e sensi di colpa ancora più grandi. Le persone che soffrono di Disturbi del Comportamento Alimentare sono spesso malati invisibili agli occhi di estranei e spesso anche a quelli dei familiari, incapaci di “vedere” e capire, paralizzati dall’inadeguatezza, dalla paura e dalla vergogna, una vergogna che allontana e non consente di chiedere quel giusto aiuto che ragazzi e familiari hanno diritto di ricevere. E’ invece fondamentale il ruolo della famiglia e degli affetti più stretti nella cura e prevenzione di questa patologia. Sportelli di primo ascolto rivolti ai Famigliari/amici di chi soffre di Disturbi del Comportamento Alimentare.. Per far comprendere che la persona che soffre di Disturbi del Comportamento Alimentare va indirizzata a chiedere aiuto ad un Centro specializzato nei D.C.A.

A noi non doveva capitare...




Ogni genitore desidera il meglio per i propri figli, e soprattutto vorrebbe alleviare ogni loro sofferenza anche la più piccola. 

Non potrò mai scordare quando la malattia era ai primordi e mio padre si faceva coraggio anche solo per qualche minuto, e mostrava tutto il suo smarrimento dicendomi : 'Alla tua età non puoi avere preoccupazioni, o angosce. Che pensieri puoi avere?'.
Li per lì mi faceva tanta rabbia perchè rendeva il mio stato talmente assurdo e inconcepibile da non sentirmi in diritto di provare un disagio, cominciavo ad assaporare i primi effetti devastanti della mancata comprensione.
Dall'altra però mi faceva tanta tenerezza, perchè leggevo nei suoi occhi tutto lo sconforto e il senso d'impotenza che l'inammissibile gli provocava. La sua idea di ragazza, o meglio di figlia ventenne spensierata si stava sgretolando davanti ai suoi occhi, ciò che era nel suo immaginario stava diventando altro.
Niente era come la sua testa e il suo cuore avrebbero voluto che fosse. Tante volte rimaneva in silenzio davanti a me, mentre parlava di nascosto con mia madre, esponendosi entrambi vicendevolmente alla gogna.
Cercare una spiegazione in un singolo episodio, in un capro espiatorio sembrava l'unica cosa che avesse senso in quella situazione che non rientrava minimamente nel suo mondo. Tanto che per parecchio tempo tutto per lui si traduceva in: 'A noi non doveva capitare'.
Una punizione che non aveva alcun significato visti i suoi sforzi e quelli di mia madre sin da quando ero piccola, di far si che la mia vita e quella di mia sorella fossero come le favole della Disney che guardavamo insieme.
Cosa significava tutto ciò allora, che in realtà aveva sbagliato tutto senza neanche accorgersene?
Che era diventato cieco perchè i suoi occhi non vedevano e non volevano vedere la realtà, ma solo quello che aveva immaginato e che avrebbe voluto che fosse?
Bè il senso di colpa era diventato 'il nostro pane quotidiano', ormai ci nutrivamo un pò tutti solo di quello e debellarlo non è stato affatto facile, forse un alone ancora ora rimane nella sua testa, una sfumatura che però non può prescinedere dal suo grande amore per me.
Giorno dopo giorno però, straordinariamente ho conosciuto e riconosciuto in me una figlia e giovane donna che si è ricavata il suo spazio in questo mondo e non in quello delle favole, un padre-uomo e una madre-donna con le loro debolezze, le loro frustrazioni, le loro storie ai quali sono riuscita a comunicare con i giusti mezzi e supporto che anche io avevo la necessità di sentirmi parte di questa realtà, di indossare i panni dell'essere umano con tutte le sue contraddizioni così come era giusto che fosse così anche per loro.

Rosy Coletta.

https://www.facebook.com/dcalamiasostanzaimperfetta/

COMMENTI

Nome

Citazioni,87,Dicono di noi-Redazionali,6,Eventi,40,Foto,40,Libri,6,Raccontarsi,21,
ltr
item
Associazione Ali di Vita: A noi non doveva capitare: Rosy Coletta
A noi non doveva capitare: Rosy Coletta
Affrontiamo la tematica del disturbo del comportamento alimentare (anoressia e bulimia); creando una rete di supporto per chi vive questa malattia. Soffrire di un disturbo del comportamento Alimentare non è un capriccio, uno stereotipo legato al mondo della moda, ma sono vere e proprie malattie che hanno radici profonde , disagi psicologici che influenzano in modo esponenziale la vita di chi ne soffre e le loro famiglie. Chi ne soffre si trova molto spesso a vivere in silenzio la propria malattia, isolandosi e creando di conseguenza un vuoto , una paura e sensi di colpa ancora più grandi. Le persone che soffrono di Disturbi del Comportamento Alimentare sono spesso malati invisibili agli occhi di estranei e spesso anche a quelli dei familiari, incapaci di “vedere” e capire, paralizzati dall’inadeguatezza, dalla paura e dalla vergogna, una vergogna che allontana e non consente di chiedere quel giusto aiuto che ragazzi e familiari hanno diritto di ricevere. E’ invece fondamentale il ruolo della famiglia e degli affetti più stretti nella cura e prevenzione di questa patologia. Sportelli di primo ascolto rivolti ai Famigliari/amici di chi soffre di Disturbi del Comportamento Alimentare.. Per far comprendere che la persona che soffre di Disturbi del Comportamento Alimentare va indirizzata a chiedere aiuto ad un Centro specializzato nei D.C.A.
https://3.bp.blogspot.com/-7_diqX2kqlM/We8uLBCLh_I/AAAAAAAAAK0/EBVmyxLi8WYghpROxgMeE_12aoYq6LNmwCLcBGAs/s640/A%2Bnoi%2Bnon%2Bdoveva%2Bcapitare.jpg
https://3.bp.blogspot.com/-7_diqX2kqlM/We8uLBCLh_I/AAAAAAAAAK0/EBVmyxLi8WYghpROxgMeE_12aoYq6LNmwCLcBGAs/s72-c/A%2Bnoi%2Bnon%2Bdoveva%2Bcapitare.jpg
Associazione Ali di Vita
https://www.alidivita.org/2017/10/a-noi-non-doveva-capitare-rosy-coletta.html
https://www.alidivita.org/
https://www.alidivita.org/
https://www.alidivita.org/2017/10/a-noi-non-doveva-capitare-rosy-coletta.html
true
8453532666341186079
UTF-8
Carica tutti i post Non ci sono articoli Vedi tutto Leggi tutto Rispondi Elimina la risposta Elimina Da Home Pagine Articoli Vedi tutto ARTICOLI RACCOMANDATI PER TE Etichetta Archivio Cerca Tutti gli articoli Non sono stati trovati articoli per la tua ricerca Ritorna alla Home Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gen Feb Mar Apr Maggio Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Ora 1 minuto fa $$1$$ minutes ago 1 ora fa $$1$$ hours ago Ieri $$1$$ days ago $$1$$ weeks ago più di 5 settimane fa Followers Follow THIS CONTENT IS PREMIUM Please share to unlock Copy All Code Select All Code All codes were copied to your clipboard Can not copy the codes / texts, please press [CTRL]+[C] (or CMD+C with Mac) to copy